Dieci cose da sapere sull’economia italiana

Trova un libro Dieci cose da sapere sull’economia italiana prima che sia troppo tardi su internet, è il libro scritto dal noto giornalista statunitense Alan Friedman, autore di altri grandi successi editoriali più o meno recenti; il giornalista vive da molti anni in Italia, ma conosce molto bene il pensiero del proprio Paese di origine, gli Stati Uniti. Puoi scaricare o leggere questo libro Dieci cose da sapere sull’economia italiana gratuitamente online, Il libro è stato pubblcato da Newton Compton.

libro Dieci cose da sapere sull’economia italiana gratuitamente online

Descrizione questo libro:
Al primo posto assoluto delle classifiche dei libri più venduti
Avrò mai una pensione? L’Europa ci aiuta o ci danneggia? Chi paga il salvataggio delle banche?
Capire come funziona l’economia è fondamentale se vogliamo comprendere i meccanismi che regolano i rapporti tra noi e lo Stato e prendere le giuste decisioni per la nostra famiglia e per il nostro futuro. Dieci cose da sapere sull’economia italiana di Alan Friedman è un libro scritto con un linguaggio comprensibile, lontano da quello degli addetti ai lavori, indispensabile per tutti coloro che non vogliono essere più strumentalizzati dagli imbonitori della politica. Numeri, cifre e statistiche reali per rispondere con la verità dei fatti a chi promette facili soluzioni, per controbattere ai politici che lanciano proclami e mentono su questioni importantissime: perché l’Italia non cresce più? Perché non crea più posti di lavoro? Perché gli italiani sono i più tassati d’Europa? Di quale politico italiano ci si può fidare di più? Quale futuro dobbiamo veramente aspettarci per il nostro Paese?
«In questo libro ho cercato di raccontare in modo semplice l’economia, un argomento che tocca le vite di tutti noi, spiegando come funzionano davvero le cose, dove stiamo andando e cosa possiamo fare per salvarci. Finché siamo in tempo.»
Alan Friedman
1. Il debito pubblico, una vera bomba a orologeria
2. Perché l’Italia non cresce di più?
3. Perché l’Italia non crea più posti di lavoro?
4. Qual è la verità sul sistema bancario italiano?
5. Ma è vero che gli italiani sono i più tassati d’Europa?
6. Avrò mai una pensione?
7. Come funzionano i mercati finanziari? E chi li manovra? Consigli per i risparmiatori
8. L’Europa ci aiuta o ci danneggia? E l’euro ci fa bene o male?
9. Che voti diamo ai politici?
10. Cosa ci riserva il futuro?

“Dieci cose da sapere sull’economia italiana prima che sia troppo tardi” descrive con un linguaggio semplice e comprensibile lo stato dell’economia italiana visto sia dal punto di vista italiano che da quello che si presenta di fronte agli economisti e ai finanzieri americani. Friedman mette in luce tanti aspetti con affermazioni chiare e che sono lontane da ogni punto di vista politico.

Dettagli prodotto
Formato: Formato Kindle
Dimensioni file: 1773 KB
Lunghezza stampa: 149
Editore: Newton Compton Editori (29 gennaio 2018)
Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
Lingua: Italiano
ASIN: B078WKM4QV
Word Wise: Non abilitato

Gli argomenti più importanti sono trattati per sezioni ben distinte e prendono in considerazione le pensioni, le misure fiscali, l’Euro, le banche, i risparmi degli italiani e la gravosa situazione del debito pubblico che pesa come una zavorra sull’economia del Bel Paese.

Leggi anche la recensione di questo libro Muovete il culo

Le analisi di Friedman si basano su statistiche reali e su previsioni di competenti economisti statunitensi e sparigliano dal campo le facili promesse lanciate in questa campagna elettorale da ogni parte in salse diverse: le ricette di comunisti, democratici, antisistema, moderati ed estremisti sono gettate nel cestino da Friedman come pessimi pasti presentati dai partecipanti dei cooking show, da quelli che il giornalista considera imbonitori ed artisti della parola.

Anche temi alternativi, ma non meno importanti, sono presi in considerazione in questo prezioso volume: le misure per la crescita, le leggi sul lavoro, la bontà o l’inutilità dei voucher e del reddito di cittadinanza. Ogni aspetto è curato nei dettagli e le statistiche che cercano di spiegare anche ai meno avvezzi la realtà economica italiana.

Il libro, proprio in occasione delle prossime elezioni politiche, risulta utile per chi vuole farsi un’idea più chiara ed asettica dello stato economico italiano, prima di andare a porre un voto alle urne e trarre le proprie conclusioni dalle analisi presentate.

Recensione per questo libro:
Libro molto semplice che produce una lista di problemi ampiamente conosciuti del nostro paese. Friedman scrive un ‘Bigmami’ in periodo elettorale quasi a riassumere in modo elementare ciò che è ormai luogo comune per i comuni cittadini. Enumera guai di varia natura colpevolizzando regolarmente questa e quella classe politica ma senza mai esporre chiaramente soluzioni efficaci. Un libro uscito al momento giusto. Friedman cita spesso il PIL. Credo che l’unico effetto reale del libro sia quello di aumentare quello dell’autore.

Questo libro istant di Friedman è un ottimo vademecum per chi non si orienta nella compelssa vicenda italiana. Linguaggio non pesante, accessibile e chiarezza espositiva sono i punti forti di questo libro, strutturato come un racconto riguardante una famiglia media di Livorno, che si trova alle prese con la difficile situazione politico economica dell’Italia di questi anni. Lo consiglio a tutti coloro che vogliono capire di più in questo torrente di informazioni contraddittorie.

Pubblicato in Economia | Lascia un commento

Moleskine Agenda Giornaliera

Libri su Moleskine Agenda Giornaliera di Moleskine L’agenda giornaliera Moleskine copre tutto l’anno, da gennaio a dicembre. Se vuoi ottenere questo libro Moleskine Agenda Giornaliera, vai su Internet e cerca il titolo di questo libro e scegli il formato che desideri e scarica o leggi online questo libro. Questa famosa agenda si presenta con una gamma completa di colori e ogni sua pagina è dedicata a un singolo giorno dell’anno, così da poterne annotare ogni dettaglio.

libro Moleskine Agenda Giornaliera

Descrizione
L’agenda giornaliera Moleskine copre tutto l’anno, da gennaio a dicembre.
Con un layout con una nuova pagina per ogni giorno, questa popolare agenda presenta una gamma completa di colori per ogni giorno dell’anno.

Caratteristiche principali:
Copertina rigida per una comoda esperienza di scrittura anche senza appoggio
Planning, fusi orari, misure internazionali, prefissi internazionali e durate dei voli
Calendario delle festività mondiali disponibile all’indirizzo moleskine.com/diaryaddons
Tasca interna espandibile dello stesso colore del taccuino
Etichetta “in case of loss” stampata nel risguardo
Nastrino segnalibro dello stesso colore del taccuino
Fascetta riutilizzabile stampata con contenuti aggiuntivi sul retro
Apertura a 180°
Angoli arrotondati
Chiusura elastica
Carta color avorio Moleskine
Peso della carta: 70 g/m2

Qui sotto è una recensione:
Agenda di ottima qualità, ogni giorno del 2018 ha la sua pagina, comprese le domeniche. Le dimensioni contenute la rendono adatta a portarla anche in borse piccole, ma ci si possono scrivere un sacco di cose! Giorni e mesi sono in inglese e alla fine ho trovato a parte 3 pagine di adesivi colorati per personalizzarla. Avrei gradito qualche pagina bianca in più per eventuali note, ma per il resto è perfetta, quindi acquisto molto positivo. Arrivata in un giorno e con imballo accurato.

Agenda che amo e che compro ormai da anni, quest’anno l’ho presa al vantaggiosissimo prezzo di 17,29 euro.
E’ arrivata cellofanata e inserita in un’ulteriore confezione esterna, tempi di consegni ottimi con la spedizione rapida.
La qualità dell’agenda è indiscutibile, la copertina è in vera pelle e le pagine sono di alta qualità, di una colorazione un po’ ingiallita che dà sempre la sensazione di classico ed elegante; io utilizzo tranquillamente una penna gel senza che questa trasparisca nella pagina seguente . All’inizio dell’agenda troverete delle pagine in cui inserire i vostri dati a partire da quelli anagrafici a quelli più personali come gruppo sanguigno e allergie. Troverete anche dei piccoli calendari per ogni mese, una sezione in cui scrivere i viaggi e, alla fine dell’agenda, una piccola tasca in cui sono contenuti tutta una serie di piccoli adesivi. Sono inoltre presenti un segnalibro in tessuto, grigio e classico, e un elastico per tenere chiusa l’agenda una volta che la si è riposta in borsa. A dimostranza dell’originalità abbiamo un adesivo del controllo qualità e un piccolo libriccino sui prodotti moleskine. Un prodotto davvero valido che amo di più ogni anno che passa, davvero consigliatissima.

Pubblicato in Calendari | Lascia un commento

Muovete il culo

Trova questo libro e ricevilo e ora ti spiegherò Muovete il culo! Lettera ai giovani perché facciano la rivoluzione in un Paese di vecchi di Alberto Forchielli è un economista sui generis, anticonformista e schietto. Uno che gestisce un importante fondo di private equity, profondo conoscitore del mercato cinese, uno che viene ascoltato al Congresso degli Stati Uniti come alla Silicon Valley. Uomo globalizzato dal 1980, vive girando il mondo ma è rimasto legato alla sua Italia, della quale impietosamente denuncia i difetti e il provincialismo. In questo pamphlet agile e corrosivo vuole scuotere la generazione dei trentenni, rassegnati e letargici, aiutandoli a scegliere fra andare all’estero o restare, e in tal caso combattere per cambiare un Paese che non fa nulla per regalare un futuro ai suoi figli.

Muovete il culo! Lettera ai giovani perché facciano la rivoluzione in un Paese di vecchi di Alberto Forchielli

Dettagli prodotto Muovete il culo! Lettera ai giovani perché facciano la rivoluzione in un Paese di vecchi:
Copertina flessibile: 185 pagine
Editore: Baldini + Castoldi (9 aprile 2018)
Collana: Le boe
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8893880784
ISBN-13: 978-8893880787
Peso di spedizione: 240 g

La sua analisi non fa sconti a nessuno. Alla generazione dei nostri nonni che hanno ricostruito il Paese dopo la guerra con enormi sacrifici, ha fatto seguito la generazione dei nostri padri (i coetanei di Forchielli) che hanno dilapidato i risultati del boom economico, hanno vissuto di rendita per lasciare ai trentenni oggi un’apatia da pancia piena e un generale vittimismo. La soluzione è semplice. Darsi una mossa, recuperare la grinta dei nonni, avere la stessa «fame» dei coetanei asiatici, studiare tanto quelle materie tecniche e scientifiche che sono alla base del mondo tecnologico di domani, e soprattutto smettere di piangersi addosso e avere le idee chiare. È difficile, ma per farlo bisogna guardare l’Italia da fuori… e avere voglia di fare la rivoluzione, se si ama davvero questo nostro Paese.

«Voglio fare un’esortazione ai giovani: voglia di studiare, voglia di lavorare (anche usando le mani, anche sporcandole) e poche pugnette in testa vi porteranno lontano, nonostante i populisti che avrete sempre intorno alle balle. E, soprattutto, per tutti, smettete di lagnarvi e guardate al futuro, che sarà migliore anche grazie al vostro contributo. Perciò viva l’Italia.»

Alberto Forchielli (Bologna 1955) è sposato e ha due figli. È fondatore e presidente del fondo di private equity Mandarin Capital Partners. Prima ancora è stato consulente di multinazionali, imprese statali, governi e della Banca Mondiale. E in qualità di esperto di questioni asiatiche periodicamente viene ascoltato dal Congresso degli Stati Uniti d’America. Ha pubblicato Trova lavoro subito! (Sperling & Kupfer 2015) e con Baldini & Castoldi Il potere è noioso (2016).

In basso è la recensione di questo libro:
Lucida analisi dello status quo e di cosa occorre fare per rimediare, almeno individualmente. Ne consiglio la lettura a tutti i giovani dai 15 ai 50 anni. Io nel ho 54 ma cercherò di far tesoro di quanto ho letto. Forchielli e’ un lucido ed indipendente analista del nostro paese e solo questo lo rende un rivoluzionario.

Un realismo che spiazza e inquieta (sentimento non nuovo per chi segue il dott. Forchielli dai social dove pubblica con frequenza i suoi pensieri). Tuttavia non manca, insieme alla rabbia di vedere un Paese che va a rotoli, un (amorevole) filo conduttore di speranza, di sprone a non lasciar(si) andare alla deriva. Del resto il titolo è esaustivo di per sé.

Pubblicato in Economia | Lascia un commento